Le tariffe dal Regno Lombardo Veneto
verso il Regno di Sardegna

|Torna all'indice del sito| |Torna all'indice delle tariffe|
 
Fino al giugno 1844 il mittente delle missive in partenza dal Lombardo Veneto per il Regno di Sardegna pagava la tariffa interna fino al confine dell'Impero; il destinatario pagava la tassazione per il tragitto interno al Regno di Sardegna in base alle normative sarde in vigore.
La Convenzione del 14 marzo 1844, che decorreva dal 1° giugno 1844, stabilì le regole per lo scambio della corrispondenza e restò in vigore fino alla decorrenza della Convenzione successiva, cioè fino al 31 dicembre 1853.
Venne abolito l'obbligo dell'affrancatura e le lettere potevano essere inviate anche non affrancate senza alcun aggravio di spesa.
Il territorio dei due Stati venne diviso in 3 fasce di distanza e stabilita la relativa tassazione per lettera semplice (8,75 grammi, equivalenti a mezzo lotto viennese) per l'intero percorso.
Fasce della Parte Austriaca:
1) raggio limitrofo (A.R.F. = Austria Raggio Frontiera) entro 5 leghe austriache (circa 37,5 chilometri) dal confine sardo;
2) entro le 20 leghe (149 chilometri) dal confine sardo (A.1);
3) oltre le 20 leghe dal confine sardo (A.2).
Fasce della Parte Sarda:
1) fino a 10 leghe (74,5 chilometri) dal confine austriaco (S.1);
2) da 10 a 20 leghe (da 74,5 a 149 chilometri) dal confine austriaco (S.2);
3) oltre 20 leghe (oltre 149 chilometri) dal confine austriaco (S.3);
Tassazioni :
da A.R.F. per S.1: 30 centesimi (6 kreuzer di cui 3 all'Amministrazione del Lombardo Veneto e 3 a quella sarda);
da A.R.F. per S.2: 45 centesimi (9 kreuzer di cui 3 all'Amministrazione del Lombardo Veneto e 6 a quella sarda);
A.R.F. per S.3: 50 centesimi (10 kreuzer di cui 3 all'Amministrazione del Lombardo Veneto e 7 a quella sarda);
da A.1 per S.1: 45 centesimi (9 kreuzer di cui 6 all'Amministrazione del Lombardo Veneto e 3 a quella sarda);
da A.1 per S.2: 60 centesimi (12 kreuzer di cui 6 all'Amministrazione del Lombardo Veneto e 6 a quella sarda);
da A.1 per S.3: 65 centesimi (13 kreuzer di cui 6 all'Amministrazione del Lombardo Veneto e 7 a quella sarda);
da A.2 per S.1: 75 centesimi (15 kreuzer di cui 12 all'Amministrazione del Lombardo Veneto e 3 a quella sarda);
da A.2 per S.2: 90 centesimi (18 kreuzer di cui 12 all'Amministrazione del Lombardo Veneto e 6 a quella sarda);
da A.2 per S.3: 95 centesimi (19 kreuzer di cui 12 all'Amministrazione del Lombardo Veneto e 7 a quella sarda);
Oltre il mezzo lotto viennese di peso (8,75 grammi) e fino a tre quarti di lotto, la tassa era pari ad una volta e mezzo quella delle lettere semplici; da tre quarti di lotto al lotto due volte la tassa con un incremento successivo di una tassa semplice per ogni ulteriore aumento di peso di mezzo lotto o frazione.
Le lettere raccomandate pagavano un'ulteriore tassa di 30 centesimi (6 kreuzer).
Il 1° gennaio 1854 entrò in vigore la Convenzione Postale tra il Regno di Sardegna e l'Impero d'Austria (incluso il Lombardo Veneto).
Detta convenzione stabiliva la facoltatività dell'affrancatura (restava obbligatoria invece in caso di raccomandata) nonché le tariffe da applicare che dovevano venir determinate in base alla distanza tra luogo di partenza e arrivo.
Il territorio austriaco fu diviso in 3 fasce (A1, A2, A3) e quello sardo in 2 (S1 ed S2).
 
 
Lo scaglione di peso era di un lotto viennese (17,5 grammi) per le lettere provenienti dall'Austria (e Regno Lombardo Veneto), mentre per quelle provenienti da Regno di Sardegna era di 15 grammi.
Le tariffe austriache per una lettera semplice (entro il primo scaglione di peso) erano le seguenti:
 - dalla prima distanza austriaca alla prima distanza sarda (da A1 a S1): 30 centesimi o 6 kreuzer;
 - dalla prima distanza austriaca alla seconda distanza sarda (da A1 a S2): 45 centesimi o 9 kreuzer;
 - dalla seconda distanza austriaca alla prima distanza sarda (da A2 a S1): 45 centesimi o 9 kreuzer;
 - dalla seconda distanza austriaca alla seconda distanza sarda (da A2 a S2): 60 centesimi o 12 kreuzer;
 - dalla terza distanza austriaca alla prima distanza sarda (da A3 a S1): 60 centesimi o 12 kreuzer;
 - dalla terza distanza austriaca alla seconda distanza sarda (da A3 a S2): 75 centesimi o 15 kreuzer.
Tra uffici confinanti distanti non più di 2 leghe (15 chilometri) fu inoltre prevista una tariffa di 15 centesimi (o 3 kreuzer).
Di seguito si mostrano alcune corrispondenze che interessano la prima emissione di Lombardo Veneto affrancate secondo la convenzione del 1854.
Lettera spedita da Somma il 27 novembre 1855 per Cassolnovo, affrancata con un francobollo da 30 centesimi (da A1 a S1). Lettera spedita da Milano il 26 marzo 1855 per Torino, affrancata con un francobollo da 45 centesimi (da A1 a S2).
Lettera spedita da Venezia il 20 giugno 1856 per Torino, affrancata con due francobolli da 30 centesimi ed uno da 15 centesimi, per complessivi 75 centesimi (da A3 a S2).
           
 
|Torna all'indice del sito| |Torna all'indice delle tariffe|
Pagina aggiornata il 3 maggio 2013